Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

SIGNIFICATI RELATIVI ALLE OPZIONI

  • Lato lungo - Al di sopra del prezzo corrente.
  • Lato corto - Al di sotto del prezzo corrente.
  • Call - sono le opzioni che se acquistate ci posizionano a favore di un mercato che sale e se vendute di un mercato che scende.
  • Put - sono le opzioni che se acquistate ci posizionano a favore di un mercato che scende e se vendute di un mercato che sale.
  • Premio - Valore di acquisto o vendita di un opzione.
  • Figura - Sono le opzioni call e/o put che compongono il posizionamento sul mercato.
  • Scadenza - le scadenze tecniche sono per le mensili il terzo venerdì di ogni mese, per le trimestrali il terzo venerdì di marzo, giugno, settembre e dicembre.
  • Coperti da - Si intende che da quel livello il rischio non esiste più
  • Coperti sino - Si intende che oltre quel livello il rischio esiste.
  • W1 W2 M W4 W5 - le W ( weekly ) sono le scadenze settimanali e il numero indica che settimana, mentre la M ( monthly ) è la mensile.
  • Strike Price - ( o più semplicemente Strike ) E' il prezzo di esercizio di un opzione. Conferisce il diritto, non l'obbligo di acquistare/vendere un prodotto ad un determinato prezzo ( lo strike price appunto ).
  • Drawdown - perdita % rispetto al nostro capitale investito.
  • Profit/Loss - Anche semplicemente P/L ovvero profitto/perdita.
  • Sottostante - Ogni derivato ha come riferimento da cui viene generato e calcolato un sottostante che può essere prevalentemente un indice o un azione.
  • Capital gain - nome dell'utile su cui viene applicata la tassazione sui profitti derivanti dai mercati finanziari, attualmente per il nostro paese è pari al 26%.
  • Gain - Profitto.
  • Loss - Perdita.
  • Future - derivato di un indice/titolo/cross/commodities.
  • Derivato - che deriva da un suo sottostante che può essere un indice/titolo/cross/commodities.
  • Rollare - spostare la figura, se sulla stessa scadenza si dice rollare in verticale se su altra scadenza si dice rollare in orizzontale. La decisione di ROLLARE viene presa quando la figura sullo strike venduto è ITM e quindi non producendo utile necessità di un nuovo posizionamento.
  • ITM - Si definisce In The Money quell’opzione call il cui strike price è inferiore al prezzo del sottostante e opzione put il cui strike price è superiore al prezzo del sottostante.
  • ATM - Call e put si definiscono At The Money quando lo strike price è equivalente al prezzo del sottostante.
  • OTM - Sono Out of The Money quelle call che hanno lo strike al di sopra del prezzo del sottostante e le put con strike inferiore al prezzo del sottostante.
  • Pullback - Nel caso di un pullback il prezzo torna dapprima verso il livello appena rotto, per poi proseguire ancora nella direzione del trend iniziale
  • IB - Interactive Broker, primario broker mondiale.
  • Settlement - Valore di chiusura di ogni derivato calcolato a seconda dei prodotti alla chiusura per generarne un valore per il giorno di riferimento. Usato principalmente per il calcolo dei margini.
  • Time decay - Perdita di valore per effetto del trascorrere del tempo. La greca che lo rappresenta per comporne il valore è la Theta.
  • Indice di Sharpe - Misura il rapporto tra il maggior rendimento di un prodotto finanziario rispetto al rendimento di un prodotto finanziario senza rischio e la sua volatilità. L'indice è tanto più elevato quanto un maggior rendimento in un determinato periodo considerato è ottenuto con minor rischiosità. Per esempio, due prodotti finanziari che in un certo periodo rendono il 20% e il 25%: il primo rende il 20% con un andamento regolare, mentre il secondo raggiunge il 25% attraverso forti oscillazioni. Il primo prodotto, quello che in assoluto rende meno ma ha una minor volatilità, potrebbe avere un indice di Sharpe più favorevole. Più alto è l'indice di Sharpe, maggiore è l'abilità del gestore nell'ottimizzare il rapporto rendimento-rischio.
  • Flat - Si intende quando si è liquidi e non si hanno prodotti in portafoglio, a volte viene, nel caso delle opzioni, usato anche per indicare che non si hanno opzioni su uno dei due lati del mercato.
  • Margini - Denaro necessario all'apertura e al mantenimento in portafoglio di un prodotto derivato.
  • Margin Call - La figura richiede una liquidità per il suo mantenimento superiore al denaro presente sul conto.
  • Volatilità implicita - rappresenta l’aspettativa futura dei movimenti di prezzo del sottostante.
  • Money Management - Insieme di regole volte a massimizzare il profitto, cercando di ridurre le perdite potenziali. Queste regole sono applicabili a tutte le tipologie di investimento e servono per gestire in modo efficace i propri soldi.
  • Book - Strumento di borsa dove si incontra la domanda e l'offerta per poter scambiare un prodotto finanziario.
  • Denaro e Lettera - Differenza tra il prezzo bid (denaro) e il prezzo ask (lettera) su un Book. Il prezzo bid è il prezzo al quale un soggetto è disposto ad acquistare uno strumento finanziario. Il prezzo ask è quello al quale un altro soggetto è disposto a vendere uno strumento finanziario.

SIGNIFICATI RELATIVE AI MERCATI IN GENERE

  • FED - Banca centrale USA
  • BCE - Banca centrale Europa
  • ORARI MERCATO CME ( USA ) ORARIO APERTURA WALL STREET (ora italiana) 15:30 15:15 chiusura sessione Globex
  • 15:30 Apertura Wall Street e Sessione diurna futures sugli indici CME
  • 22:00 chiusura Wall Street
  • 22:15 chiusura sessione diurna futures sugli indici CME
  • 22:30 apertura sessione Globex futures sugli indici CME
  • 23:00 chusura per manutenzione giornaliera sessione Globex futures sugli indici CME
  • 24:00 riapertura dopo manutenzione giornaliera sessione Globex futures sugli indici CME
  • ORARI MERCATO EUREX ( MERCATO DI FRANCOFORTE ) Future 8:00 - 22:00 / Indici 9:00 - 17:30
  • NAV - è un acronimo che sta per Net Asset Value. È un metodo usato dalle società d'investimento per valutare il rendimento azionario nei loro portafogli.
  • Gap App - quando l'apertura corrente è superiore alla chiusura precedente con un vuoto di prezzi. Quindi senza una continuità grafica.
  • Gap Down - quando l'apertura corrente è inferiore alla chiusura precedente con un vuoto di prezzi. Quindi senza una continuità grafica.
  • VIX & VSTOX - sono gli indici che rappresentano la volatilità dei mercati, rispettivamente del S&P500 e dell'EuroStoxx50.
  • Ottava - sinonimo finanziario di settimana
  • Market Movers - si possono definire come quei fattori che fanno muovere il mercato ed incidono sull'analisi fondamentale.
  • Treasury - I Titoli di Stato sono obbligazioni emesse periodicamente dai singoli stati allo scopo di finanziare il proprio debito pubblico. I Treasury sono i Titoli di Stato del governo federale degli Stati Uniti. Vengono emesse quattro categorie di Treasury, ciascuna con diverse caratteristiche in termini di scadenza, rendimento e modalità di pagamento degli interessi dovuti.
  • Si distinguono in :
  • - Treasury Bill (T-Bill), titoli a breve termine, con scadenze pari a 4, 13, 26 e 52 settimane, sono acquistati a sconto rispetto al valore nominale (emessi sotto la pari) e maturano gli interessi alla scadenza.
  • - Treasury Note (T-Note), titoli a medio\lungo termine con scadenze pari a 2, 3, 5, 7 e 10 anni e riconoscono al sottoscrittore una cedola a tasso di interesse fisso, pagata ogni sei mesi fino alla scadenza.
  • - Treasury Bond (T-Bond), titoli a lungo termine con scadenze pari a 30 anni e riconoscono al sottoscrittore una cedola a tasso di interesse fisso, pagata ogni sei mesi fino alla scadenza.
  • - Treasury Inflation-Protected Securities (TIPS), forniscono una protezione contro l'inflazione, vengono emessi con scadenza pari a 5,10 e 30 anni e riconoscono al sottoscrittore una cedola a tasso di interesse fisso, pagata ogni sei mesi. Il tasso d’interesse si applica al capitale investito rettificato per l’inflazione.
  • Fattore comune per i Treasury è l’importo minimo d’investimento che è pari a 100 dollari e multipli di 100 dollari per investimenti incrementali. Inoltre sono molto liquidi e sono largamente negoziati sul mercato secondario.
  • Il Treasury Bond è diventato il titolo di riferimento quando si parla di performance del mercato dei titoli di Stato degli Stati Uniti e viene anche utilizzato per trasmettere al mercato le aspettative sull’andamento dei tassi e quindi, indirettamente, anche su quello economico degli Stati Uniti nel lungo termine.
  • Il governo federale degli Stati Uniti, dal febbraio 2001 a gennaio 2006, aveva sospeso l’emissione dei T-Bond a 30 anni (spesso chiamati long-bond). Tuttavia, a causa della domanda dei fondi pensione, che hanno necessità di fare investimenti a lungo termine e, dell’appiattimento della curva dei rendimenti che ha fatto sì che il costo opportunità di vendere Treasury a lunga scadenza fosse diminuito, il Treasury Bond a 30 anni è stato reintrodotto nel febbraio 2006 e viene ora emesso trimestralmente. ( la tipologia del titolo è simile a quella dei Buoni Poliennali del Tesoro italiani).

SIGNIFICATI TERMINI DI ANALISI TECNICA.

Candele Giapponesi

Con la definizione candele giapponesi (candlestick) si indica un tipo di visualizzazione dei dati in un grafico, usata prevalentemente in ambito finanziario e molto simile a quella del grafico a barre, che offre - però - un maggior numero di informazioni in un formato sintetico

Hammer, è un tipico segnale di inversione tanto è che viene definito un pattern di inversione se pur rappresentato da una sola candela.  

Sintesi delle principali Candele Giapponesi

Esempio ( EUR USD ) di un tipico grafico a Candele Giapponesi

........continua.

Per trovare su questa pagina chiarimenti in relazione a termini che usiamo di frequente scrivici

staff OFT

0